Sapore alla Vita

...perché sei un essere speciale, ed io, avrò cura di te ... - Franco Battiato -

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La storia di Bebe

E-mail Stampa PDF

LO SPORT

 

Praticare uno sport non solo fa bene ( benissimo!) a livello fisico ma aiuta il bambino ad apprendere valori come l’amicizia, la solidarietà, il lavoro di squadra e la capacità di risolvere piccoli e grandi problemi. https://youtu.be/fMEsUCeGjH8

 

LA STORIA DI BEBE -  Quando aveva undici, nel 2008, BebeVio fu colpita da una meningite fulminante. La malattia degenerò in una vasta infezione che rese necessaria l’amputazione di tutti e quattro gli arti. "A dieci anni aveva fatto la profilassi contro la meningite di tipo A - raccontava il padre qualche tempo fa Qn - . Allora i sanitari ci dissero che era troppo piccola per sottoporla alla vaccinazione contro la B. Per loro era meglio aspettare che compisse i quattordici anni. Noi ci siamo fidati, d’altronde erano degli specialisti. Purtroppo ci siamo sbagliati: praticamente dodici mesi dopo mia figlia ha contratto il batterio" . Con straordinaria caparbietà, Bebe, insieme con la sua famiglia, è riuscita a trasformare la disgrazia in un trionfo, umano e sportivo. E stata anche scelta tra i 5 testimonial mondiali, uno per ogni continente, per la campagna di sensibilizzazione a favore dei vaccini contro la meningite. Ora lotta per lei e per l'Italia, dando lustro al nostro Paese nel mondo. Notizia dell'ultim'ora, sarà lei la portabandiera azzurra alla cerimonia di chiusura delle Paralimpiadi.  "Un giorno vorrei diventare capo di Sky Sport e presidente del Coni", diceva qualche tempo fa al Maurizio Costanzo Show. "Nel 2028", precisava. Quel giorno non sembra poi così lontano.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

You are here: Sport La storia di Bebe