Sapore alla Vita

...perché sei un essere speciale, ed io, avrò cura di te ... - Franco Battiato -

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Stress

E-mail Stampa PDF

LO STRESS E L’ESSERE COSTANTEMENTE SOTTO PRESSIONE

“TURBAMENTO e INSICUREZZE i motivi per cui forse durante l’adolescenza ci si chiude in un mondo parallelo che si è in grado di gestire di più.”

Lo stress emotivo di un adolescente è nettamente maggiore di quello di un adulto, soprattutto perché il cervello non è ancora pronto per affrontarlo! Le ricerche sulla mente degli adolescenti affermano che il loro essere poco propositivi dipende dal fatto che il loro cervello è solo apparentemente maturato del tutto, ma che in realtà è ancora nella fase del pieno sviluppo, si sente sovraccaricato e, appunto, messo sotto stress perché incapace di reggere le troppe pressioni e informazioni ricevute: una sorta di intasamento mentale che scatta ogni qual volta ci si trovi di fronte a dover fare una scelta.

I motivi sono i più svariati: emotivi, ambientali, relazionali, psicologici, ma anche ormonali ovvero dalla maturazione sessuale.

È importante capire che alcune cose, per gli adulti del tutto “normali”, possono scatenare reazioni emotive devastanti negli adolescenti.

 

COME SI PUÒ INTERVENIRE PER MIGLIORARE LA SITUAZIONE E GESTIRE LO STRESS?

Anzitutto per creare un ambiente più sereno atto a incentivare comportamenti e attività positive che eliminino il nervosismo occorre:

 

1. non minimizzare assolutamente le sensazioni dei figli;

2. essere premurosi e presenti, senza essere invadenti;

3. dare il buon esempio, nel razionalizzare e nel dare il giusto peso alla situazione reale, facendo capire la diversità tra ciò che si pensa e si sente e ciò che è in realtà. Questo può notevolmente abbassare il senso di colpa che può compromettere lo stile di vita dei più piccoli, e non solo, incapaci di capire che certi avvenimenti dolorosi non dipendono in alcun modo da loro;

4. Pensare ai loro bisogni effettivi senza confonderli con le nostre aspettative può infondere loro maggior fiducia in se stessi, soprattutto nel momento “distruttivo” dell’errore. Bisognerebbe far loro capire che gli errori sono esperienze e che senza di essi non si cresce. Tramite gli sbagli si può capire cosa si vuole realmente e, soprattutto, si può imparare a non farli più poiché:SBAGLIANDO SI IMPARA!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

You are here: Le nostre sofferenze Stress